menu Home chevron_right
Revman

Revman Il Poliziotto Rapper a San Siro: Voglio Porgere Una mano a Questi Giovani Trapper

Revman | Giugno 16, 2022
Revman Il Poliziotto Rapp a San Siro Voglio Porgere Una mano a Questi Giovani Trapper

Revman Il Poliziotto Rapper a San Siro: Voglio Porgere Una mano a Questi Giovani Trapper

Sebastiano Vitale alias Revman, il poliziotto rapper conosciuto per il suo impegno sociale, lancia un appello ai giovani trapper di San Siro.

“La musica unisce, il Rap può essere un valido strumento per avvicinare i giovani alle istituzioni, San Siro è futuro e bisogna intervenire con la cultura

Il giovane poliziotto ideatore del Rap della Legalità e Alfredo D’amato giornalista del Tg3 si incontrano in Piazzale Selinunte per sensibilizzare i trapper locali a mandare messaggi positivi per il quartiere.

 

Revman Il Poliziotto Rapp a San Siro Voglio Porgere Una mano a Questi Giovani Trapper

 

Un appello sicuramente indirizzato al trapper di San Siro Baby gang, conosciutissimo tra i giovani e balzato agli oneri della stampa per diversi fatti di cronaca che hanno visto l’intervento delle forze dell’ordine.

“Poesia di strada” è così che il giornalista del Tg3 definisce il Rap di Revman, un insieme di rime che hanno il peso della responsabilità di chi lotta per la giustizia “Lotto per quello che voglio cambiare, per certi versi il mondo salvare, osserva i problemi, alza la testa togli lo sguardo dal cellulare” un messaggio chiaro, contenente la volontà e la speranza di voler provare a cambiare l’attuale situazione di degrado di alcune periferie. Coinvolgere i giovani, attraverso la musica, potrebbe essere la soluzione.

L’agente Scelto Sebastiano Vitale esordisce: “Ho mosso i miei primi passi in polizia al Commissariato Bonola, zona San Siro. I turni di volante in periferia mi hanno formato tantissimo, adesso vorrei ritornare in questi luoghi di inizio carriera e lavorare nuovamente per la stessa causa ma con uno strumento differente e vicino ai giovani, la musica”

“Questa è una Battle Freestyle contro i Trapper fuorilegge che abitano in questi palazzi, tra disagio, rivolta, incomunicabilità” domanda il giornalista, efficace la risposta del rapper della legalità “Io non cerco uno scontro con questi giovani trapper, voglio porgergli una mano”. Un gesto metaforico per esprimere la volontà di voler tirar fuori i giovani dall’illegalità.

Written by Revman




Contatti Revman

Cookie Consent with Real Cookie Banner