menu Home chevron_right
Revman

Re­v­man, il rap­per po­li­ziot­to can­ta per l’Af­gha­ni­stan

Revman | Ottobre 1, 2021
Revman-il-rapper-poliziotto

Re­v­man, il rap­per po­li­ziot­to can­ta per l’Af­gha­ni­stan

L’in­dif­fe­ren­za, il nuo­vo bra­no di Re­v­man, il rap­per po­li­ziot­to che vuo­le scuo­te­re gli ani­mi del­l’oc­ci­den­te sul­le sor­ti del­l’Af­gha­ni­stan Re­v­man è in ser­vi­zio pres­so la Que­stu­ra di Mi­la­no ma ha ori­gi­ni si­ci­lia­ne

i­la­no – Il rap­per po­li­ziot­to Re­v­man que­sta vol­ta si bat­te per l’Af­gha­ni­stan. Il suo nuo­vo bra­no “L’in­dif­fe­ren­za” in­fat­ti vuo­le es­se­re un mes­sag­gio di sen­si­bi­liz­za­zio­ne per i di­rit­ti del­le don­ne e de­gli uo­mi­ni del mar­to­ria­to pae­se del Me­dio­rien­te.

Ispi­ra­to alla fra­se “Ciò che mi spa­ven­ta non è la vio­len­za dei cat­ti­vi; è l’in­dif­fe­ren­za dei buo­ni” di Mar­tin Lu­ther King, il nuo­vo sin­go­lo di Re­v­man ha l’o­biet­ti­vo di scuo­te­re le co­scien­ze e apri­re i cuo­ri.

Se­con­do l’ar­ti­sta in­fat­ti, ac­co­glie­re le per­so­ne che scap­pa­no da un luo­go dove i di­rit­ti ina­lie­na­bi­li del­l’uo­mo sono sta­ti com­pro­mes­si, rap­pre­sen­te­reb­be una di­mo­stra­zio­ne di uma­ni­tà e ci­vil­tà dei pae­si ac­co­glien­ti.

“L’in­dif­fe­ren­za”, di ge­ne­re Rap, in usci­ta il 13 set­tem­bre pros­si­mo, sarà di­spo­ni­bi­le su tut­te le piat­ta­for­me strea­ming, e com­pren­de un in­sie­me di rime che par­la­no del­l’at­tua­li­tà del Pae­se e del­la si­tua­zio­ne me­dio­rien­ta­le

Re­v­man, un po­li­ziot­to che fa rap
Se­ba­stia­no Vi­ta­le, in arte Re­v­man, è nato a Pa­ler­mo 30 anni fa ed è agen­te del­la Po­li­zia di Sta­to pres­so la Que­stu­ra di Mi­la­no. Ha scel­to di in­dos­sa­re la di­vi­sa del­le For­ze del­l’or­di­ne, come suo pa­dre Sal­va­to­re, che dal 1988 al 1997 è sta­to im­pe­gna­to nei ser­vi­zi di scor­ta a Pa­ler­mo, ter­ra trop­pe vol­te mac­chia­ta pur­trop­po dal san­gue di eroi­ci ser­vi­to­ri del­lo Sta­to, uc­ci­si da Cosa no­stra.

Se­ba­stia­no è poi cre­sciu­to a Lec­ce, nel Sa­len­to, e sua ma­dre, Ca­tia, ven­ne im­mor­ta­la­ta gio­va­nis­si­ma, nel 1980 nel ca­po­luo­go si­ci­lia­no, dal­la ce­le­bre fo­to­gra­fa an­ti­ma­fia Le­ti­zia Bat­ta­glia in quel­lo che di­ven­tò poi lo “scat­to” più noto del­la fo­to­re­por­ter, chia­ma­to “Bam­bi­na con il pal­lo­ne”.

Sei anni fa vin­se il con­cor­so per en­tra­re in Po­li­zia, poi ar­ri­vò la for­ma­zio­ne nel­la Scuo­la Al­lie­vi Agen­ti di Vibo Va­len­tia, e poi l’u­ni­for­me e la pi­sto­la per pre­ve­ni­re e re­pri­me­re rea­ti.

Il suo sen­so del­lo Sta­to, il suo sen­ti­men­to di giu­sti­zia e il suo spi­ri­to di ser­vi­zio ver­so la col­let­ti­vi­tà sono così for­ti che ar­ri­va­no a per­va­de­re la sua gran­de pas­sio­ne: la mu­si­ca.

Nel tem­po li­be­ro in­fat­ti, quan­do smet­te gli abi­ti di po­li­ziot­to e tro­va l’i­spi­ra­zio­ne giu­sta, Se­ba­stia­no ve­ste i pan­ni di Re­v­man, e com­po­ne e can­ta can­zo­ni pro­fon­de di ge­ne­re rap.

Se­ba­stia­no è un in­se­gnan­te e scrit­to­re di te­sti, e con la sua mu­si­ca e la sua pro­fes­sio­ne di po­li­ziot­to, te­sti­mo­nia ogni gior­no che si pos­so­no co­niu­ga­re più aspet­ti del­la vita.

Il tema del­la le­ga­li­tà e del­la ca­pa­ci­tà di sa­per co­mu­ni­ca­re ai gio­va­ni, con lin­guag­gi in­no­va­ti­vi e in­ter­ge­ne­ra­zio­na­li, è fon­da­men­ta­le per la pre­ven­zio­ne e la lot­ta di ogni for­ma di di­scri­mi­na­zio­ne, abu­so e vio­len­za di ge­ne­re e tra pari, come bul­li­smo e cy­ber­bul­li­smo.

Per sa­per­ne di più sul nuo­vo bra­no e sul rap­per po­li­ziot­to sug­ge­ria­mo di vi­si­ta­re il sito in­ter­net www.re­v­man.it
men­tre il vi­deo del bra­no è già on­li­ne su You­tu­be alla pa­gi­na

Fonte: https://www.giornalelora.it/revman-il-rapper-poliziotto-canta-per-lafghanistan-2/

Written by Revman




Contatti Revman

error: Content is protected !!